LA POESIA IN SCENA A ROMA, FUORI TEMPO A GENOVA LA 25ESIMA ORA A LE MANS…

– “Roma, città della poesia: attraversata per un mese da letture, concerti, poetry slam, performance, azioni artistiche, feste. Da Testaccio al Flaminio a Monti al Quartiere Africano, …romapoesia si espande, entra nei caffè, nelle librerie, nelle piazze”: così recita l’introduzione al programma della settima edizione del festival romapoesia. In cartellone fra l’altro, Elettra, operapoesia di Nanni Balestrini e Luigi Cinque, tre serate di Poeti dal mondo (a cui partecipano, tra i tanti, Jacques Roubaud, Nicole Brossard, Esther Ferrer, Mircea Cartarescu), uno slam day, sabato 11, con due gare di poesia, una a squadre e una internazionale. Oltre naturalmente alla serata russa di cui vi parliamo nella nostra vetrina.
– Dario Fo e Salvatore Sciarrino, Vinicio Capossela e Gino Paoli, Charles Rosen e Nuria Schoenberg: i grandi nomi, italiani e stranieri, si sprecano a Fuori tempo, la manifestazione che si tiene a Genova dal 10 al 25 ottobre intorno al “dire, fare, sentire la musica oggi”. Intorno al perno del convegno internazionale, che prevede anche una sessione, “Suoni del nostro tempo”, con Teresa De Sio, Gianna Nannini e Peppe Servillo, ci saranno tanti incontri collaterali e anche da tanta musica, a partire dal Viaggio a Reims di Rossini con la regia di Fo.
– Forse, come tutti, conoscete la 24 ore di Le Mans, ma la città francese ormai da diversi anni ospita un salone del libro che non può intitolarsi altro che La 25ème Heure du Livre. Quest’anno al centro della manifestazione (11 e 12 ottobre) ci sarà L’èté indien, un programma di scoperta delle culture degli indiani d’America.
– A vent’anni dalla scomparsa di Erich Linder, in occasione dell’apertura agli studiosi del suo archivio personale conservato dalla Fondazione Mondadori, un convegno di studi internazionale (16 ottobre 2003, Sala Napoleonica via Sant’Antonio 10, Milano) propone una riflessione sulla figura dell’agente letterario in una fase di profonda trasformazione del mercato editoriale. Partecipano fra l’altro Vittorio Spinazzola (Una professione intellettuale tipicamente moderna) Guido Davico Bonino e Inge Feltrinelli (L’agente e gli editori), Jason Epstein (L’agente all’epoca dell’e-powered publishing)
– I Mercati di Traiano, cuore della vita popolare dell’antica Roma, sono stati scelti per ospitare la seconda edizione del festival itinerante Corso Polonia 2003, organizzato dall’Istituto Polacco per far conoscere le espressioni più innovative della cultura contemporanea polacca. Si comincia con il design, con una esposizione di oggetti di uso comune anche nei tempi antichi rivisitati da alcuni tra i migliori artisti polacchi; e con le installazioni luminose dell’artista Miroslaw Filonik (create appositamente per lo spazio dei Mercati di Traiano). E poi rappresentazioni teatrali, teatro di strada, concerti di musica classica, jazz, etnica e sperimentale, per finire le suggestioni della poesia contemporanea polacca.