(SENZA) FONDAMENTA A VENEZIA, GIALLOLUNA E NERONOTTE A RAVENNA, LE FOTO DI MARIO DONDERO A LOSONE

– “Senza più, ovvero quello che manca, il sentimento diffuso di un venir meno nel nostro contemporaneo, erosione costante di cui non sempre valutiamo la portata. Perdite collettive, perdite individuali: nella legge e nel diritto, nella sicurezza sociale, nel lavoro e nella solidarietà, nelle forme dell’etica, della pace e della guerra, nell’economia, nella politica e nella scienza che misurano i propri limiti”: per la quinta edizione della rassegna veneziana ideata da Daniele Del Giudice Fondamenta (2-5 ottobre), il titolo è “Senza più”, e autori e lettori si confronteranno sul tema “Passato, presente e futuro: assenza di prospettive o prospettiva di un’assenza?”. Ci saranno, fra gli altri, Agota Kristof e Jeremy Rifkin.
– Loriano Macchiavelli, Giancarlo De Cataldo, Marcello Fois e Maurizio Matrone sono fra i protagonisti di Gialloluna Neronotte, prima edizione del festival di letteratura di genere in Italia. La manifestazione, che si tiene a Ravenna dal 2 al 12 ottobre, ruota quest’anno in particolare intorno al giallo e prevede spettacoli teatrali, concerti, proiezioni di sceneggiati televisivi, incontri con gli autori, mostre, un convegno, inviti a cena con delitto.
– Nel centro culturale La Fabbrica di Losone è aperta dal 3 ottobre al 4 novembre la mostra fotografica Mario Dondero – Una commedia umana. I trentacinque lavori esposti – realizzati tra il ’58 ed il ’99 – riguardano due temi fondamentali nell’opera del fotografo attualmente vivente in Francia: i reportages ed i ritratti. Proprio in queste due famiglie di lavori si nota la vicinanza di Dondero alla scuola fotografica francese e, in particolare, all’opera di Henri Cartier-Bresson.